frammento da “racconti di potere” di Carlos Castaneda

Conforto, rifugio, paura, sono tutte parole che hanno creato stati d’animo che abbiamo imparato ad accettare senza neppure interrogarci sul loro valore. I nostri simili sono negromanti, e chiunque stia con loro lo diventa a sua volta. Pensateci. Forse potete deviare dal sentiero che i vostri simili hanno tracciato per voi?

E se restate con loro, i vostri pensieri e le vostre azioni rispetteranno solo le loro condizioni.Questa è schiavitù. La libertà costa, ma il  suo prezzo non è impossibile da pagare. Temete quindi chi vi cattura (in ogni modo), temete i vostri padroni.

Non sprecate il vostro tempo e il vostro potere avendo paura della libertà

Juan Matus

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...