Stelle, cadenti.

Image

“guarda! guarda! un altro!”

      – “Dove, dove?”

“Troppo tardi, già caduto.”

       – “si, ma è proprio una palla, facciamo qualcosaltro…”

“no, no, stanotte ne cadono proprio tanti.”

       – “ma almeno hai espresso un desiderio?”

“…Desiderio? Ancora con questa storia! Che desiderio vuoi che esprima una stella che vede un uomo cadere????”

 

L’uomo che ascoltava

ho conosciuto solo un uomo capace di ascoltare.

Diceva che per quanto non avesse tempo da sprecare,

se qualcuno gli parlava, lui non poteva evitare….

 

Viveva delle parole, degli altri, e del saperle cercare.

Per trovarle, diceva, non dccorreva pensare,

ma aspettare tranquillo, che qualcuno parlasse

 

Io sbottavo, seccato, e dicevo che c’era da fare

che era un peccato stare a sentire chi. davvero, aveva poco da dire.

Lui, sorrideva, si fermava e cominciava a parlare:

 

“Tutti hanno qualcosa da dire, e quando io ascolto, il tuo mondo si ferma…”

diceva che erano le parole a …..

ma aspetta….

aspetta

aspetta.